Sicurezza, Filippeschi: “La sentenza della Consulta era prevedibile, il Governo ha fatto pasticci”

11 aprile 2011 | Pubblicato in: News

La sentenza della Consulta si poteva prevedere. Perché era lasciato troppo spazio alla genericità e all’azione di propaganda di sindaci che hanno fatto ordinanze ridicole, per pura propaganda politica di stampo leghista. Il governo così ha creato ad arte un’illusione e ha scaricato sui comuni le proprie difficoltà a garantire il controllo del territorio”. Così il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, presidente nazionale di Legautonomie, commenta la sentenza della Consulta sui poteri d’ordinanza per i sindaci.
“I sindaci hanno sempre rivendicato politiche integrate per la sicurezza – aggiunge Filippeschi – ma chiedendo una legge di coordinamento fra Stato e Regioni chiara, che precisasse le materie d’intervento e poteri definiti. E non limitandosi certo a questo, ma chiedendo prevenzione delle marginalità e una presenza efficace delle forze dell’ordine. Invece ci hanno dato, insieme, tagli alle politiche sociali e tagli rispetto alle piante organiche della Polizia di Stato”.

“Chi ha fatto ordinanze nel rispetto delle leggi, senza forzature e sentito il Consiglio Comunale, come ho fatto io, insieme ad altri sindaci – conclude Filippeschi – ha voluto segnalare una priorità chiara nell’azione di coordinamento fra le diverse forze dell’ordine e ha appesantito le sanzioni, in funzione dissuasiva, con risultati sensibili. Speriamo che, in sostanza, anche questo sforzo ora non sia reso vano dai pasticci del Governo”.