Federalismo municipale, accordo fra Governo ed enti locali sul fondo sperimentale di riequilibrio

6 giugno 2011 | Pubblicato in: News

Via libera da parte della Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali all’accordo che stabilisce le modalità di alimentazione e di riparto del Fondo sperimentale di riequilibrio che dovrà accompagnare i Comuni delle regioni a statuto ordinario da qui al 2013. La distribuzione avverrà in due tranche, a giugno (i due terzi) e a novembre. Il fondo sperimentale vale 8.376 milioni di euro e interessa 6.700 Comuni.

Il vice presidente Anci e sindaco di Reggio Emilia, Graziano Delrio parlando a margine della riunione si è detto «soddisfatto del lavoro svolto sul piano sia tecnico che politico» e ha spiegato i termini dell’accordo: «il 30% dell’ammontare complessivo del Fondo sperimentale di riequilibrio deve essere distribuito ai Comuni in base al numero dei residenti.

Risorse specifiche sul Fondo saranno invece attribuite ai Comuni con popolazione inferiore ai 5mila abitanti, al fine di assicurare risorse in misura pari alla spettanza dei trasferimenti erariali fiscalizzabili elaborata per l’anno 2011. Inoltre, ai Comuni con popolazione superiore ai 5mila abitanti viene anche assegnata una quota pari al 10% del fondo »assegnato in proporzione al peso di ciascun Comune dei tributi di fiscalità immobiliare, con una clausola di sbarramento pari al 110% della spettanza figurativa dei trasferimenti fiscalizzati dell’anno 2011».

Infine, come richiesto dall’Anci, è stata predisposta l’istituzione di un tavolo tecnico-politico in materia di finanza locale per l’analisi e la condivisione dei dati relativi ai tributi devoluti per dare piena attuazione alle disposizioni relative all’autonomia finanziaria dei Comuni.