Riforme. Filippeschi, “bozza Calderoli offensiva per autonomie: ridotte a ‘osservatori’ impotenti senza diritto di voto”

22 Luglio 2011 | Pubblicato in: News

La proposta di riforma costituzionale è offensiva per le autonomie locali e regionali. ”Balza evidentemente agli occhi, già ad una prima lettura – afferma Marco Filippeschi Presidente di Legautonomie e Sindaco di Pisa – come la riforma del Senato proposta non abbia niente di federale e di come inoltre non persegua, fino in fondo, l’obiettivo di una riduzione dei costi della rappresentanza politica. 
 

Le autonomie locali e le Regioni non possono essere ridotte nei fatti al rango di “osservatori” impotenti e senza alcun ruolo. La loro partecipazione alle attività del Senato è infatti prevista senza diritto di voto e quindi senza alcuna possibilità di rappresentare efficacemente le istanze dei territori di cui sono espressione e rappresentanti.

Al contrario, viene prevista l’elezione diretta dei senatori, i quali continueranno a ricevere un mandato politico del tutto svincolato dai territori di riferimento. Sono poi previsti nel procedimento legislativo meccanismi pericolosi per la stessa funzionalità del sistema parlamentare.
La rappresentanza delle autonomie locali – conclude Filippeschi – ha il dovere di contrastare una proposta che è in perfetta continuità con tutti gli atti e i provvedimenti del Governo e rappresenta soltanto l’ennesima prova di un centralismo mascherato”.

Elenco Allegati