Bed and Brekfast : assegnati i marchi di qualità

16 novembre 2009 | Pubblicato in: Territorio

In provincia di Torino prosegue l’incremento della diffusione capillare sul territorio dei Bed & Breakfast, ai quali l’Assessorato provinciale al Turismo e Sport ha da alcuni anni dedicato un Marchio di Qualità che certifica il raggiungimento di uno standard elevato, in termini di accoglienza, tutela degli ospiti e qualità dell’ambiente.
Martedi 10 novembre a Palazzo Cisterna il Presidente della Provincia Antonio Saitta e l’Assessore al Turismo Ugo Perone hanno consegnato il Marchio di qualità collettivo dei Bed & Breakfast della Provincia di Torino ai titolari dei 25 esercizi che nell’ultimo anno hanno raggiunto il livello qualitativo e di accoglienza richiesto dagli standard del Marchio stesso.
Gli attestati sono stati consegnati anche a due esercizi che hanno richiesto ed ottenuto nel corso del 2009 il completamento della certificazione. Infine il Marchio è stato nuovamente attribuito a quattro esercizi già certificati e sottoposti a nuove verifiche con esito positivo.

E’ stato inoltre presentato il nuovo opuscolo promozionale dedicato ai Bed & Breakfast che si fregiano del Marchio di Qualità della Provincia.

“Sul versante turistico la Provincia di Torino – ha sottolineato il Presidente Saitta – ha di fronte a sé due anni che offriranno importanti occasioni di crescita: l’Ostensione della Sindone nel 2010, le manifestazioni per il centocinquantenario dell’Unità d’Italia nel 2011. I 7 milioni di visitatori, che Torino e provincia intendono attrarre con l’insieme delle manifestazioni del 2011, non alloggeranno solo in hotel di lusso: l’offerta dovrà essere ampia e per tutte le tasche. Dobbiamo avviare il confronto con tutte le categorie professionali del turismo, per organizzare l’accoglienza durante l’intero anno, ma soprattutto in occasione di eventi che richiameranno centinaia di migliaia di persone, come i raduni degli Alpini, dei Carabinieri, dei Bersaglieri e della Protezione Civile. I Bed & Breakfast costituiscono, sia per la loro flessibilità sia per il carattere familiare dell’accoglienza e l’elevato grado di personalizzazione del servizio offerto, una delle possibili risposte al problema della scarsità di strutture ricettive e alla diminuita capacità di spesa dei consumatori”.

“La particolarità del centocinquantenario dell’Unità d’Italia è dovuta al fatto che gli eventi non saranno concentrati ma distribuiti nell’arco dell’intero anno – ha dichiarato l’Assessore Perone – Oltre a fare in modo che l’offerta turistica migliori, le istituzioni devono lavorare perché passi nell’immaginario collettivo il concetto che Torino è stata la prima capitale d’Italia, che di qui è partito il processo unitario e che, quindi, vale la pena di visitare Torino e la sua provincia almeno una volta nella propria vita, per riandare alle radici della nostra storia unitaria. Dobbiamo fare il modo che Torino si inserisca in un vero e proprio circuito turistico delle tre capitali, insieme a Firenze e a Roma. I Bed & Breakfast sono un bel modo di fare turismo, che instaura un rapporto personale con i clienti. E’ un rapporto che consente anche di superare meglio i momenti economici difficili: quando diminuisce la capacità di spesa si rinuncia magari alle Maldive e si opta per il turismo di prossimità, magari in strutture già conosciute ed apprezzate. In questo senso dovremo lavorare insieme ai gestori perché almeno una parte del sistema del Bed & Breakfast si specializzi nell’accoglienza delle famiglie con bambini piccoli, quelle che presumibilmente sentono di più la crisi e sono più attente al costo delle vacanze”.

COME E QUANTO CRESCE IL SISTEMA DEI BED & BREAKFAST IN PROVINCIA DI TORINO
In provincia di Torino i Bed & Breakfast sono attualmente 333 (erano 260 a fine 2006), di cui 79 muniti del Marchio di Qualità (erano 23 a fine 2006): 18 in Torino città e 17 nel resto dell’area metropolitana (su di un totale di 161), 13 (su 60) nel Canavese e Valli di Lanzo, 31 (su 112) in Valle di Susa e nel Pinerolese.

Il Marchio Qualità Bed & Breakfast è stato registrato presso l’Ufficio Italiano Marchi e Brevetti ed è il risultato di un processo avviato dalla Provincia nel 1999 e proseguito con incontri di informazione e sensibilizzazione sul territorio. E’ stato inoltre pubblicato il vademecum “Apri la tua casa”, che contiene indicazioni pratiche per l’apertura e la gestione dei Bed & Breakfast. Coloro che sono interessati a consultare la pubblicazione possono trovarla sul Web alla pagina
www.provincia.torino.it/turismo/bed_breakfast/vademecum.htm

Lo standard qualitativo che i Bed & Breakfast devono raggiungere per ottenere il Marchio Qualità è definito da una serie di indicatori, relativi alle strutture ed ai servizi, concordati nell’ambito di un Tavolo di lavoro composto da rappresentanti della Provincia, delle Atl provinciali, delle associazioni di B&B, del Touring Club Italiano e della Federconsumatori.

Nel dettaglio, le variabili cui fanno riferimento gli indicatori qualitativi sono:

accoglienza, intesa come insieme di attenzioni e cure rivolte all’ospite
tutela, come insieme degli elementi che garantiscono l’incolumità fisica dell’ospite durante la sua permanenza
ambiente, inteso come insieme delle attenzioni che il gestore del B&B può mettere in campo, al fine di contribuire al miglioramento del territorio (e quindi in modo indiretto al suo grado di attrazione nei confronti dell’ospite).

Elenco Allegati