Manovra finanziaria, Filippeschi:” Necessario andare oltre l’intesa fra Anci e Governo”

20 Luglio 2010 | Pubblicato in: News

«La fiscalizzazione dell’entrate va bene, ma non sposta i termini del problema: con questa manovra economica rischiamo il paradosso di dover chiedere soldi ai cittadini continuando a tagliare i servizi». A poche ore di distanza dall’approvazione al Senato della Manovra finanziaria, il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, presidente nazionale di Legautonomie riprende i contenuti dell’intesa fra Anci e Governo per mitigare l’impatto della manovra economica. Lo fa per ribadire «la necessità di andare oltre quell’accordo, perché – spiega – il problema vero rimane quello dei vincoli di spesa, soprattutto sul versante degli investimenti e della funzione anticiclica che potrebbe essere svolta dagli enti locali.

Questi vincoli non verrebbero meno, neppure per i Comuni virtuosi, nemmeno se divenisse immediatamente esecutiva quell’autonomia impositiva cui anche ieri ha fatto riferimento il presidente nazionale dell’Anci Chiamparino». Dunque per il Presidente di Legautonomie la strada da percorrere «è quella indicata anche dal documento unitario della Conferenza delle Regioni: occorre ripartire certo dal federalismo fiscale, ma anche dalla verifica dei costi di funzionamento di tutte le pubbliche amministrazioni e non solo degli enti locali, perché con questa manovra finanziaria a farne le spese saranno soprattutto i cittadini».