Il Presidente di Legautonomie Piemonte, Umberto D’Ottavio, è stato eletto al Parlamento della Repubblica – Camera dei Deputati.

Pur nella difficile situazione, per la formazione del Governo e la ricerca di una maggioranza stabile, non possiamo che rallegrarci per l’ingresso in Parlamento di una persona che ha alle spalle una lunga esperienza amministrativa ed è da sempre convintamente dalla parte delle autonomie locali. Siamo certi che Umberto D’ottavio sarà un referente prezioso per Legautonomie nelle difficili e improcrastinabili scelte che il nuovo Governo dovrà fare rispetto alla riforma degli enti locali, degli organi dello Stato e del Parlamento

Seminario Legautonomie Piemonte “Verso il bilancio 2013” , giovedì 14 febbraio a Rivalta

Come ci eravamo impegnati a fare, abbiamo riprogrammato il seminario formativo originariamente previsto a dicembre 2012,  spostato per mancanza di dati certi  sull’interpretazione e l’applicazione delle legge.

Ora ci sono maggiori elementi di conoscenza che consentano di affrontare i temi proposti con qualche certezza in più. E’ quindi l’occasione per porre in discussione i nodi irrisolti, trovando, dove possibile, delle risposte. Leggi il resto »

Elenco Allegati

Il presidente D’Ottavio è candidato alla Camera

Il Presidente di Legautonomie Piemonte, Umberto D’Ottavio, è candidato alla Camera nella lista del PD. Non possiamo che essere contenti di questa candidatura che ci garantirà un filo diretto con il Parlamento sui temi che ci stanno a cuore. D’Ottavio ha dichiarato :
“Sono stato sindaco per due legislature e conosco bene i problemi dei comuni. Oggi la situazione degli enti locali è catastrofica e io spenderò il mio tempo e il mio impegno alla Camera per migliorarla,

Leggi il resto »

Anti-corruzione, scatta l’obbligo di trasparenza per i patrimoni dei politici e loro parenti

Il Consiglio dei Ministri nella seduta di martedì 22 gennaio ha dato l’ok preliminare a un decreto legislativo in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubblica amministrazione. Il decreto legislativo attua la legge 190 del 2012 (“Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”).
I patrimoni dei politici, compresi i parenti entro il secondo grado, dovranno essere pubblici. Nel caso in cui l’incarico conferito da una pubblica amministrazione non sia stato regolarmente pubblicizzato, cioè pubblicato online sul sito dell’amministrazione, gli stipendi saranno bloccati. Stessa cosa vale per le gare d’appalto, se i bandi non potevano essere conosciuti da tutti.

In particolare, il Cdm spiega, attraverso una nota, che:

1. viene istituito l’obbligo di pubblicità: delle situazioni patrimoniali di politici, e parenti entro il secondo grado; degli atti dei procedimenti di approvazione dei piani regolatori e delle varianti urbanistiche; dei dati, in materia sanitaria, relativi alle nomine dei direttori generali, oltre che agli accreditamenti delle strutture cliniche.

2. viene data una definizione del principio generale di trasparenza: accessibilità totale delle informazioni che riguardano l’organizzazione e l’attività delle PA, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche.

Il provvedimento ha infatti lo scopo di consentire ai cittadini un controllo democratico sull’attività delle amministrazioni e sul rispetto, tra gli altri, dei principi costituzionali di eguaglianza, imparzialità, buon andamento, responsabilità, efficacia ed efficienza dell’azione pubblica.

3. la pubblicazione dei dati e delle informazioni sui siti istituzionali diventa lo snodo centrale per consentire un’effettiva conoscenza dell’azione delle PA e per sollecitare e agevolare la partecipazione dei cittadini. Per pubblicazione si intende la diffusione sui siti istituzionali di dati e documenti pubblici e la diretta accessibilità alle informazioni che contengono da parte degli utenti.

4. si stabilisce il principio della totale accessibilità delle informazioni. Il modello di ispirazione è quello del Freedom of Information Act statunitense, che garantisce l’accessibilità di chiunque lo richieda a qualsiasi documento o dato in possesso delle PA, salvo i casi in cui la legge lo esclude espressamente (es. per motivi di sicurezza).

5. si prevede che il principio della massima pubblicità dei dati rispetti le esigenze di segretezza e tutela della privacy. Il provvedimento stabilisce che i dati personali diversi dai dati sensibili e dai dati giudiziari possono essere diffusi attraverso i siti istituzionali e possono essere trattati in modo da consentirne l’indicizzazione e la tracciabilità con i motori di ricerca. È previsto l’obbligo di pubblicazione dei dati sull’assunzione di incarichi pubblici e si individuano le aree in cui, per ragioni di tutela della riservatezza, non è possibile accedere alle informazioni.

6. viene introdotto un nuovo istituto: il diritto di accesso civico. Questa nuova forma di accesso mira ad alimentare il rapporto di fiducia tra cittadini e PA e a promuovere il principio di legalità (e prevenzione della corruzione). In sostanza, tutti i cittadini hanno diritto di chiedere e ottenere che le PA pubblichino atti, documenti e informazioni che detengono e che, per qualsiasi motivo, non hanno ancora divulgato.

7. si disciplina la qualità delle informazioni diffuse dalle PA attraverso i siti istituzionali. Tutti i dati formati o trattati da una PA devono essere integri, e cioè pubblicati in modalità tali da garantire che il documento venga conservato senza manipolazioni o contraffazioni; devono inoltre essere aggiornati e completi, di semplice consultazione, devono indicare la provenienza ed essere riutilizzabili (senza limiti di copyright o brevetto).

8. si stabilisce la durata dell’obbligo di pubblicazione: 5 anni che decorrono dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui decorre l’obbligo di pubblicazione e comunque fino a che gli atti abbiano prodotto i loro effetti (fatti salvi i casi in cui la legge dispone diversamente).

9. si prevede l’obbligo per i siti istituzionali di creare un’apposita sezione – “Amministrazione trasparente” – nella quale inserire tutto quello che stabilisce il provvedimento.

10. viene disciplinato il Piano triennale per la trasparenza e l’integrità – che è parte integrante del Piano di prevenzione della corruzione – e che deve indicare le modalità di attuazione degli obblighi di trasparenza e gli obiettivi collegati con il piano della performance.

11. Altre disposizioni riguardano la pubblicazione dei curricula, degli stipendi, degli incarichi e di tutti gli altri dati relativi al personale dirigenziale e la pubblicazione dei bandi di concorso adottati per il reclutamento, a qualsiasi titolo, del personale presso le PA.

In allegato il decreto legislativo approvato dal CdM del 22 gennaio 2013.