Filippeschi: “Per riforma dello Stato 2014 deve essere anno della svolta. Rispondere ad appello fatto ai sindaci da Napolitano”

“Il 2014 dev’essere l’anno della svolta. La riforma dello Stato è il primo nostro problema. Dobbiamo rispondere in modo esplicito e con slancio all’appello fatto ai sindaci dal presidente Napolitano. Ci ha proposto d’essere alla testa di un’alleanza per le riforme, a partire da quelle della seconda parte della Costituzione, del Parlamento e del Titolo V. E ha colto bene il nesso che c’è con quelle ancora da fare dell’ordinamento delle autonomie locali”. Così il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, presidente nazionale di Legautonomie, sulla prima giornata dell’assemblea nazionale dell’Anci in corso in questi giorni a Firenze.”

 

“La relazione di Fassino ha proposto un’analisi molto chiara e ha avanzato proposte concrete – aggiunge Filippeschi – e dunque c’è una buona base di lavoro. Anche sul Senato delle autonomie e per il rilancio del federalismo l’Anci, con l’assemblea di Firenze, si è schierata in modo netto. Ora dobbiamo passare ad un’azione a viso aperto, che superi i conservatorismi ideologici all’insegna del “tanto peggio, tanto meglio” o i blocchi di casta e le sottovalutazioni ormai incomprensibili”.

 

“Per questa iniziativa essenziale Legautonomie mette a disposizione le sue elaborazioni e la forte volontà di cambiamento che ha raccolto fra gli amministratori – conclude Filippeschi – una spinta positiva che viene dal basso e che è trasversale agli schieramenti politici”.

XXX Assemblea annuale Anci, Fassino: “Chiediamo rispetto e scelte condivise”

“I sindaci sono gli interlocutori naturali di cittadini, imprese, famiglie, anziani, disoccupati e precari. Da noi vengono per ricevere risposte. Questa consapevolezza, però, spesso non ci viene riconosciuta né dallo Stato né da certa stampa che troppo spesso identifica i Comuni come centri si spesa parassitaria. Oggi chiediamo rispetto. Chiediamo di condividere le scelte. Chiediamo di essere messi nelle condizione di fare quello per cui i cittadini ci hanno eletto”. Così il presidente dell’Anci, Piero Fassino, in un passaggio della relazione alla platea dei sindaci e membri del governo, intervenuti alla giornata inaugurale della XXX assemblea annuale dell’Anci di Firenze.

Alla presenza del Capo dello Stato, del premier Letta e dei ministri Delrio e Giovannini, Fassino ha tracciato le linee che guideranno la sua presidenza, iniziata lo scorso luglio. Nel suo primo discorso in assemblea da presidente, Fassino ha innazitutto spiegato il perché dello slogan scelto quest’anno. “‘Il Paese siamo noi’ non vuole essere un semplice slogan o narcisismo fine a se stesso. Con queste parole abbiamo voluto significare la nostra dedizione senza la quale l’Italia non ce la farebbe”. Una dedizione, secondo il presidente Anci, messa troppo spesso in dubbio.

In allegato l’intervento integrale del presidente dell’Anci e sindaco di Torino, Piero Fassino.

Elenco Allegati

Slides: La legge di stabilità 2014

Alleghiamo il link con le slides esplicanti la Legge di Stabilità 2014

http://www.slideshare.net/Palazzo_Chigi/stanziamenti-slide-legge-stabilit

D.l. 102/2013 IMU, casa e pensioni: Camera approva, testo al Senato

L’Assemblea della Camera ha approvato (con 326 voti favorevoli, 121 contrari e 20 astensioni) il decreto-legge in materia di IMU, fiscalità immobiliare, di sostegno alle politiche abitative e di finanza locale (C visit the website. 1544), che è stato trasmesso al Senato dove le Commissioni riunite bilancio e finanze del Senato ne hanno avviato l’esame.
In Aula, alla Camera, si sono astenuti la Lega Nord e Fratelli d’Italia, mentre il voto contrario è arrivato da SEL e Movimento 5 Stelle.

 

Elenco Allegati

EURONETLANG – European network of language minorities – 3° evento

Pomaretto, Prali, Perosa Argentina

Terza tappa del progetto “EuroNetLang – European network of language minorities”, finanziato dall’Unione Europea e sostenuto da Legautonomie, diretto a promuovere la cooperazione tra Comuni europei sul tema delle minoranze linguistiche. il progetto Ue coinvolge 14 Comuni dell’Europa e 4 Paesi, Italia, Croazia, Albania e Francia.

Alleghiamo il programma dell’ iniziativa in italiano.

Elenco Allegati

Legge di Stabilità 2014

E’ stata approvata ieri, 15 ottobre, dal Consiglio dei Ministri la nuova Legge di Stabilità 2014, essa prevede  interventi per 27,3 miliardi di euro nel triennio 2014-2016, di cui 11,6 nel solo 2014, così suddivisi:

  • 14,6 miliardi nel triennio per sgravi fiscali (rispettivamente 9 per le famiglie e 5,6 per le imprese); i 3,7 miliardi del 2014 sono destinati per 2,5 miliardi alle famiglie (1,5 riguardano l’Irpef) e per 1,5 miliardi alle imprese;
  • 11,2 miliardi nel triennio per azioni sociali, progetti di investimento, impegni internazionali, di cui 6,2 in conto capitale; per il 2014 si prevedono 6,4 miliardi;
  • 1,5 miliardi per investimenti a livello locale e la restituzione di debiti commerciali di parte capitale.

Alleghiamo i link con il Comunicato Stampa del Cdm e le linee guida per il patto di stabilità 2014 :

http://www.governo.it/Governo/ConsiglioMinistri/testo_int.asp?d=73311 (CS CDM)

http://www.governo.it/Notizie/Palazzo%20Chigi/testo_int.asp?d=73310 (Linee Guida)

 

 

 

 

Senato delle autonomie, federalismo e riforma dell’ordinamento locale

In allegato gli atti del convegno nazionale di Legautonomie
“Il superamento del bicameralismo paritario e la configurazione di una seconda camera come espressione delle autonomie territoriali costituisce anche un”esigenza diventata oramai imprescindibile per arginare il crescente contenzioso dinanzi alla Corte Costituzionale”.

Leggi il resto »

Elenco Allegati

Slides “La salute può attendere” a cura del Gruppo Consigliare Regionale PD

Alleghiamo il link con le slides sui tempi di attesa per prestazioni sanitarie curato dal Gruppo Consigliare Regionale del Partito Democratico Piemontese,uno studio di dati, ragionamenti e proposte per il miglioramento dei servizi sanitari.

http://pdpiemonte.cdn.fluidworks.it/wp/wp-content/uploads/2013/10/tempi-di-attesa1.pdf

D-l 93/2013 violenza di genere e sicurezza

Alleghiamo il link al sito istituzionale della Camera dei Deputati attraverso il quale è possibile scoprire il Dl su violenza di genere e sicurezza approvato da Camera e Senato: “Conversione in legge del decreto-legge 14 agosto 2013, n great site. 93, recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di protezione civile e di commissariamento delle province”

http://www.camera.it/leg17/126?tab=&leg=17&idDocumento=1540-A&sede=&tipo=

Alleghiamo inoltre il testo coordinato sul femminicidio  nella sua interezza.

Elenco Allegati

Manovra, Filippeschi: “Così governo obbliga Comuni a incrementare tasse o tagliare servizi essenziali”

“Così ci obbligano ad incrementare ancora le imposte locali. L’alternativa che il governo ci ripropone sarebbe il taglio di servizi essenziali e ciò è inaccettabile. La manovra da 1 miliardo e 600 milioni di euro si fa gravare anche sugli enti locali, mentre non è stata ancora data risposta sul rimborso dell’IMU 2013 e sull’impostazione della legge di stabilità per il 2014, in particolare sulla forma da dare alla «service tax», che dovrebbe sostituire integralmente o parzialmente la tassazione sulla prima casa. Ancora una volta, tagli lineari e nessun premio alla virtuosità. E tutto ciò mentre si fanno già sentire gli effetti della Tares”.
Così il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, presidente nazionale di Legautonomie, che interviene sulle misure annunciate dal Governo e annuncia iniziative degli amministratori locali per le prossime settimane.

Di manovre finanziarie, di bilanci dei comuni e di attuazione del federalismo fiscale, oltre che di Senato delle Autonomie, si parlerà nel convegno programmato da Legautonomie per il prossimo lunedì 14 ottobre, a Roma, nella sala convegni del Tempio di Adriano, in Piazza di Pietra.

“Prima col convegno di Legautonomie di lunedì prossimo e dopo con l’assemblea nazionale dell’ANCI, che si farà a Firenze dal 23 al 25 ottobre, valuteremo e decideremo come muoverci. Dobbiamo prendere iniziative, anche di forte impatto simbolico – sottolinea il presidente di Legautonomie – per batterci sugli obiettivi che abbiamo, a favore dei cittadini, soprattutto di quelli più provati dalla crisi, e delle imprese che stanno soffrendo, a volte anche per i vincoli assurdi che sono imposti ai comuni e alle regioni, senza distinguo”.

 

“Abbiamo chiesto l’allentamento dei vincoli del «patto di stabilità» per non chiudere i cantieri e per poter fare investimenti assolutamente necessari. Il presidente Letta ha preso impegni. Ora, con la legge di stabilità, è il momento di dare una risposta seria”.